Questa è la storia di Pradnya Mandhare, una ragazza indiana di 20 anni che è stata molestata a metà giornata, davanti a dozzine di persone e non è stata aiutata da nessuno.

Pradnya aveva finito la sua giornata alla Sathaye University e stava aspettando il treno, quando un uomo visibilmente ubriaco, cominciò a importunarla in modo inappropriato.

“Nessuno ha cercato di aiutarmi. La gente si fermava a guardare, ma nessuno si preoccupava nemmeno di chiedere cosa stesse succedendo. Ho iniziato a picchiarlo con la mia valigia. Ha cercato di picchiarmi anche lui, ma per fortuna ho avuto la meglio anche a causa del suo stato di ubriachezza “, racconta la ragazza.

Nel frattempo, Pradnya ha trascinato il maniaco sessuale per i capelli fino all’ufficio della polizia della stazione.

L’uomo, un tossicodipendente di 25 anni, era effettivamente ubriaco.

La giovane donna alla fine è diventata un simbolo di coraggio per le donne in India, che spesso non riescono a sporgere denuncia per paura.

“Tutte le donne dovrebbero combattere e non subire in silenzio. Sono grata che la polizia mi abbia aiutato e arrestato l’aggressore “,
dice Pradnya.

Condividete questo atto di coraggio e giustizia!
Mai subire in silenzio, ricordiamolo.

SHARE