Lavate il pollo prima di cucinarlo?? Dopo aver letto non lo farete...

Lavate il pollo prima di cucinarlo?? Dopo aver letto non lo farete più!

Molte persone in tutto il mondo hanno l’abitudine di lavare il pollo crudo prima di cucinarlo, pensando che sia una buona idea, soprattutto per un fattore igienico, ma sembra che le cose non stanno proprio così! Alcuni ricercatori dell’Università di Drexel hanno lanciato una vera e propria campagna di sensibilizzazione dove affermano che lavare il pollo prima della cottura, agevola la diffusione di batteri e virus. Quando acquistate il pollo, normalmente congelato, all’interno sono già presenti batteri e parassiti come la Salmonella e Campylobacter. Questi due sono i principali batteri che contaminano gli alimenti.

Cattura

Bisogna sapere che lavando il pollo crudo nel lavandino della vostra cucina, gli spruzzi d’acqua che vengono generati, diffondono questi batteri. Inoltre l’acqua non uccide i batteri. Infatti gli esperti la considerano una procedura non solo inutile, ma anche pericolosa per via di una maggiore diffusione dei batteri su altri oggetti o superfici della cucina. Basta infatti la cottura ad eliminare definitivamente tutti i batteri presenti anche all’interno del pollo. Se proprio vogliamo pulirlo prima della cottura, basta utilizzare un tovagliolo di carta per rimuovere eventuali residui o sporcizia presenti sulla pelle del pollo. Quali sintomi comportano questi batteri? I sintomi che possono provocare questi batteri sono diarrea, nausea, dolori di stomaco, crampi, febbre, malessere generale o in un alcuni casi più rari, malattie o sindrome gravi. Fortunatamente, almeno in Italia, i casi ad esempio di salmonellosi sono in diminuzione, questo per via di efficaci campagne di controlli adottati negli allevamenti. Ricordiamo che spesso questi batteri sono resistenti al congelamento, quindi anche i prodotti surgelati non sono sicuri. Ma il metodo più sicuro per eliminarli rimane una buona cottura!

fonte

SHARE